#CMCONSIGLIA – FRY TOP: LA PIASTRA PROFESSIONALE

#CMCONSIGLIA – FRY TOP: LA PIASTRA PROFESSIONALE

Uno degli strumenti che non dovrebbero mai mancare in una cucina professionale è il fry top, una piastra professionale ad alte prestazioni, che consente di grigliare e rosolare senza grassi, carni, pesce o verdure.
Semplice da utilizzare, come una comune griglia, ha il vantaggio di non aver bisogno di legno, acqua o pietra lavica al di sotto della superficie di cottura, che si presenta liscia o rigata. Può essere elettrica oppure alimentata a gas.

Anche dal lato della pulizia questa attrezzatura garantisce facilità nel lavoro: la piastra liscia si lava semplicemente come un piano di lavoro, mentre quella rigata è spesso dotata di un cassetto per raccogliere lo sporco e i residui di lavorazione. Infine, esistono fry top singoli o doppi e sono sempre più diffusi quelli da banco (di ridotte dimensioni, perfetti per bar o rosticcerie).

Per scegliere lo strumento migliore per il tuo locale è bene conoscere le differenze tra le varie tipologie di fry top: i pro e i contro variano principalmente a seconda del materiale e dell’alimentazione.

A seconda del materiale in cui è prodotta, questa piastra professionale garantisce performance e durata diversa e si trova quindi in commercio a vari prezzi
Le 3 principali materie di produzione sono:
cromo
acciaio dolce
vetroceramica

Le fry top in cromo somigliano alle padelle antiaderenti e si prestano quindi bene alla preparazione di alimenti molto grassi, che incrosterebbero le piastre classiche. Al contrario, la cottura di pietanze spesse o arrotondate non è indicata per le piastre in cromo. Per pulire questo tipo di piastra, munitevi di un raschietto delicato e di acqua calda: sarà estremamente facile rimuovere ogni residuo. Tra tutti i materiali, il cromo è quello più costoso.

Al contrario, le piastre in acciaio dolce sono le più economiche anche se, di conseguenza, assicurano minori vantaggi e richiedono una manutenzione e una pulizia molto accurate: arrugginiscono facilmente!

Infine, i fry top in vetroceramica sono quelli più diffusi nella ristorazione veloce: perfetti per panini, sandwich, carne o verdure, garantiscono ottime cotture e permettono una pulizia facile e veloce.

Sul fronte dell’alimentazione, a seconda che la tua fry top sia alimentata elettricamente o a gas, avrai una diversa incidenza sui consumi.

Le piastre a gas si riscaldano lentamente e necessitano di adeguato attacco alla rete, da verificare con regolarità. Viceversa, quando alimentate elettricamente, i fry top si scaldano in maniera immediata e garantiscono quindi una cottura più veloce. Lo svantaggio è però l’elevato consumo di energia.

La scelta migliore dipende dal: menu offerto, tipo di clientela, ritmi del servizio, incidenza dei costi dell’energia e altre variabili. In ogni caso, il fry top è preferibile alla griglia a pietra lavica o altre tipologie di piastra che consumano e sporcano maggiormente.

Nel nostro shop online potrai trovare i vari tipi di fry top e piastre, nonché tante altre attrezzature professionali per la tua cucina
Clicca qui per scoprire di più

Fonte: PanoramaChef

Ti piace questo articolo ? Condividilo !