#CMINFORMA – COME SMALTIRE L’OLIO ESAUSTO SECONDO LA LEGGE

#CMINFORMA – COME SMALTIRE L’OLIO ESAUSTO SECONDO LA LEGGE

Che siano patatine, ali di pollo o bomboloni, i cibi fritti piacciono a tutti. Per renderli così buoni però, l’olio utilizzato raggiunge delle temperature elevatissime e subisce trasformazioni che lo rendono un rifiuto particolare. Per questo motivo, il suo smaltimento non può essere effettuato alla leggera. Occorre seguire regole precise dettate dalla legge, per evitare conseguenze inquinanti molto dannose.

Per quanto riguarda la ristorazione, la legge dice che qualsiasi attività che produce oli vegetali esausti di frittura o oli per conservare alimenti produce rifiuti speciali e deve rispettare obblighi particolari.

È vietato smaltire l’olio nel suolo o sottosuolo e l’immissione nelle acque superficiali e sotterranee. Non si può dunque versare l’olio usato per friggere nella fognatura. Non solo è vietato ma può causare seri danni alle tubature.

Inoltre, l’olio fritto non è biodegradabile né organico, quindi, se disperso in acqua forma un velo che impedisce ai raggi solari di penetrare, causando danni all’ambiente. Potrebbe anche rendere l’acqua non potabile proprio per via di questa pellicola che forma.

È obbligatorio stoccare l’olio vegetale esausto in un apposito contenitore conforme alle disposizioni vigenti. Chi detiene oli e grassi vegetali e animali e non li consegna alle aziende incaricate di smaltirli, rischia una multa da €270 a €1550.

È necessario adeguarsi alla normativa vigente sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro ed è obbligatorio consegnare i rifiuti solo a raccoglitori autorizzati. Infine, non basta consegnare i propri rifiuti alle persone giuste, ma è anche necessario assicurarsi che il trasportatore consegni il proprio rifiuto ad un impianto autorizzato al deposito o al recupero.

Le norme da seguire non sono molte e nemmeno complesse, ma bisogna rispettarle con rigore e attenzione, in modo da non provocare seri danni all’ambiente e alle persone.

Fonte: Panoramachef.it

Ti piace questo articolo ? Condividilo !