#CMCONSIGLIA – GENERAZIONE Z: CHI SONO E COME ATTRARLI

#CMCONSIGLIA – GENERAZIONE Z: CHI SONO E COME ATTRARLI

Il mercato è in continua evoluzione e vede sempre di più il diffondersi di un nuovo tipo di consumatori: la così detta GENERAZIONE Z. Ma chi ne fa parte?

La generazione Z include coloro nati tra la metà degli anni ’90 e quella del primo decennio dei 2000 ed è composta in gran parte da adolescenti o giovani adulti. I post-millennials, anche così chiamati, sono cresciuti nel mondo digitale e per questo internet rappresenta il loro mezzo di espressione e di consumo principale.

Proprio perché il loro numero è in continuo aumento (si stima che questa generazione supererà numericamente i millennials a livello mondiale nel 2019) e visto che rappresenteranno da qui a 10 anni la più grande fetta di consumatori sul mercato, sarà decisivo per un ristoratore riuscire a portare i post-millennials dalla sua parte.

Ma come fare per attrarli? Ecco 11 semplici suggerimenti per portare la Generazione Z nel tuo ristorante:

1)  Capire i loro interessi.  Conoscere cosa gli piace e cosa no, attraverso un’analisi dei profili social, e le motivazioni che li spingono ad agire, può rappresentare un bel vantaggio nell’offerta di prodotti da ristorante.

2)  Fare marketing online in modo mirato.  Poiché la Generazione Z passa gran parte del suo tempo sul web, per riuscire ad attrarli nel mondo digitale può risultare utile interagire con essi, aprendo ad esempio un profilo su TripAdvisor o comparendo nei video dei loro canali YouTube.

3)  Parlare il loro stesso linguaggio.  Utilizzare frasi o parole tipiche di questi clienti nella descrizione del menù o nelle pagine social può rivelarsi una strategia davvero vincente.

4)  Attrarli con buoni sconto.  Promozioni di tipo digitale, inviate con una e-mail e scaricabili con un solo click sono strumenti efficaci per attrarre i membri di questa generazione, che vivono e crescono nell’epoca dell’immediatezza.

5)  Offrirgli tecnologia.  Essendo i nativi del digitale, i post-millennials adorano la tecnologia, ed è proprio su questo che bisogna puntare: un menù digitale, attraverso ad esempio l’utilizzo di un tablet con elevata interattività, o un servizio di pagamento digitale possono rappresentare la giusta via.

6)  Fare attenzione alla qualità.  Nonostante in molti possano pensare che la Generazione Z tenga in considerazione soprattutto l’aspetto esteriore dei piatti, anche il gusto rappresenta una componente importante nella loro scelta del ristorante in cui andare.

7)  Proporre una cucina internazionale.  Questa generazione si è sempre più abituata a provare pietanze provenienti da tutto il mondo, a sapori esotici, alla piccantezza e a prodotti di ogni cultura e genere. Per questo sarà fondamentale per un ristoratore proporre un’offerta ricca e varia di ingredienti, con una cucina sempre più internazionale.

8)  Offrirgli un servizio flessibile e personalizzato.  Perfetto per loro potrà essere un ristorante flessibile e adattabile, sia in termini di orari sia per quanto riguarda la possibilità di personalizzare il loro menù, modificando ricette e ingredienti.

9)  Ospitarli in un luogo dove sia possibile socializzare.  I post-millennials adorano condividere i momenti piacevoli con gli amici, per questo un ristorante arredato in maniera casual e accogliente può risultare una scelta azzeccata.

10)  Essere trasparenti e autentici.  I consumatori della Generazione Z ricercano soprattutto la genuinità e la trasparenza nei ristoranti che frequentano, e non gradiscono le esagerazioni o gli artifici per richiamare l’attenzione. Locali con cucina a vista, camerieri onesti e prodotti freschi e salutari sono sicuramente una potente attrattiva per questo genere di clienti.

11)  Attrarli con un’immagine di tipo sociale.  I membri di questa generazione sono nati e cresciuti con una visione più consapevole delle condizioni del nostro pianeta e dei cambiamenti sociali: per questo un ristorante che ha un occhio di riguardo alla sostenibilità dell’ambiente o che destinerà parte delle entrate a cause sociali, verrà maggiormente preso in considerazione dai post-millennials.

Pensi che questi consigli ti possano aiutare a gestire un ristorante più “Zeta”?

 

Fonte: TheFork.it

 

Ti piace questo articolo ? Condividilo !