#CMCONSIGLIA – PERCHÉ INCLUDERE PIATTI SENZA GLUTINE NELL’OFFERTA GASTRONOMICA?

#CMCONSIGLIA – PERCHÉ INCLUDERE PIATTI SENZA GLUTINE NELL’OFFERTA GASTRONOMICA?

Oggi sta diventando sempre più facile trovare menù contenenti prodotti senza glutine e locali attenti e pronti a soddisfare le esigenze di una clientela che li richiede con sempre maggior frequenza.

Una buona notizia per i celiaci quindi, ma non solo! Uno dei tanti trend attivi è la tendenza di molte persone, non affette da questa patologia, ad essere attenti alla propria salute e preferire ristoranti che offrono pietanze gluten-free.

Introdurre questi piatti nella propria offerta quindi porta molti vantaggi al ristoratore.

  1. Migliora l’immagine dell’attività

Dimostra che si ha a cuore le necessità dei clienti e che ci si adatta facilmente alle abitudini di consumo.

  1. Conquista e fidelizza vari clienti

Non solo questa scelta attrae nuovi clienti celiaci, ma influenza le abitudini di loro famigliari, amici e conoscenti, che saranno invogliati a provare il locale a loro volta. Senza dimenticare gli amanti della cucina salutare.

  1. Anticipa le necessità

La comunità “senza glutine” è in continua espansione, sempre più importante per la ristorazione. Allinearsi a questa crescente tendenza permette di distinguersi dai concorrenti.

Un aspetto estremamente importante per un ristorante senza glutine è la sincerità, valido strumento ma onere impegnativo. TheFork assegna l’etichetta “senza glutine” a quei locali che rispettano certi parametri di sincerità

a. Offerta 100% senza glutine o parziale

È importante che un ristoratore dichiari onestamente se tutta la sua offerta è composta da alimenti gluten-free o se si limita a servire solo alcune pietanze prive di questo allergene. Questo fa una grande differenza per i consumatori.

b. Offerta variegata e appetitosa

La soddisfazione dei clienti è sempre la priorità numero uno. Servire piatti senza glutine grossolani e insipidi solo per dimostrare di essere al passo coi tempi non dimostra certo di avere a cuore la loro soddisfazione. Un buon locale deve perciò concentrarsi nel creare e perfezionare piatti gluten-free pieni di gusto e di alta qualità.

c. Servizio efficiente e scrupoloso

Un altro elemento di un ottimo locale senza glutine è la profonda attenzione del suo staff ai clienti celiaci e ai loro bisogni. Evitare errori è fondamentale, così come ricordarsi di servire posate e utensili dedicati per scongiurare problemi di salute.

Speriamo che tutti questi consigli vi siano stati utili e vi abbiano invogliato ad arricchire la vostra offerta con prodotti senza glutine. Siamo sicuri che lo farete nel modo giusto.

Fonte: theforkmanager.com

Ti piace questo articolo ? Condividilo !