Tag: business

#CMCONSIGLIA – UN BUSINESS PLAN PER RISTORANTI

#CMCONSIGLIA – UN BUSINESS PLAN PER RISTORANTI

Così come per altre attività, quelle della ristorazione come pizzerie, bar e ristoranti hanno bisogno di un buon business plan per lavorare in modo efficiente ed efficace. Può essere considerato una mappa che indica la direzione da seguire prevedendo le possibilità di successo o insuccesso, […]

#CMCONSIGLIA – CREARE UN MODELLO DI BUSINESS NELLA RISTORAZIONE

#CMCONSIGLIA – CREARE UN MODELLO DI BUSINESS NELLA RISTORAZIONE

Gestire un locale nella ristorazione non è certo un compito facile. Un modo per rendere l’impresa più abbordabile però, è avere un ben delineato modello di business, che organizzi l’attività in ogni suo aspetto e consenta sempre di produrre utili. Visione strutturata, pianificazione, standardizzazione sono […]

#CMCONSIGLIA – 15 consigli per aprire un ristorante

#CMCONSIGLIA – 15 consigli per aprire un ristorante

Se hai deciso o stai valutando l’idea di aprire un ristorante, può esserti utile leggere questi 15 idee per creare un’attività di successo e in grado di attirare clienti.

  1. Basa la tua offerta su un prodotto o su un’idea unici, che ti diano la possibilità di apparire speciale agli occhi dei clienti. In questo modo sarai in grado di attirare le loro preferenze e di difenderti dalla concorrenza.
  2. È fondamentale definire il profilo del tuo cliente target in base a : sesso; età; capacità di spesa; preferenze culinarie; potere d’acquisto; stile e filosofia di vita;
  3. Cerca di capire cosa il tuo cliente target vuole nel momento in cui esce per mangiare e quali sono le caratteristiche del ristorante delle sue preferenze. Considera che una buona analisi dei bisogni del cliente permette di anticipare le sue esigenze creando innovazioni che, se ben elaborate, danno un notevole vantaggio sulla concorrenza.
  4. Cerca di posizionarti in luoghi ad alto traffico in modo da intercettare anche clienti di passaggio, ma soprattutto scegli luoghi strategici per il tuo cliente target, che deve essere il principale driver nella scelta della localizzazione.
  5. Elabora preventivamente un business plan efficace, considerando: 1) I costi di licenze, permessi, gestione dei servizi igienici ecc; questi spesso vengono sottovalutati e finiscono per incidere pesantemente sul risultato finale; 2) Definisci la capacita del ristorante in base al numero di tavoli e ad una stima della spesa media dei clienti; 3) Determina i costi di produzione e fai si che i prezzi siano tali da generare entrate pari a circa il doppio dei costi.
  6. Assumi personale appassionato alla gastronomia, a seguito di una attenta selezione, che sia in grado di mettere se stesso nel proprio lavoro.
  7. Analizza la concorrenza in modo da carpirne i punti di forza e di sfruttarne le debolezze.
  8. Realizza un piano di marketing ben definito, che stabilisca obiettivi e modalità per raggiungerli. Si possono ad esempio elaborare piatti speciali per le ricorrenze, oppure inaugurare campagne promozionali sui social network.
  9. Crea profili digitali sui principali siti e social. Ad oggi un ristorante non può esimersi dall’avere almeno un profilo su Facebook o Instagram, uno su TripAdvisor e uno su TheFork.
  10. Crea un menu redditizio sfruttando in neuromarketing, inserisci nel menù prodotti strategici o con nomi particolarmente accattivanti, usa colori che invoglino l’appetito, valuta attentamente il numero di prodotti da inserire ecc.
  11. Utilizza strumenti tecnologici per la raccolta delle prenotazioni o per l’organizzazione della sala e delle comande. Non affidarti a un quaderno di carte.
  12. Inserisci nel tuo menù prodotti adatti a clienti con esigenze speciali, quali possono essere cibi senza glutine, vegetariani o vegani e senza lattosio.
  13. Utilizza materiali organici che, come dimostrato dalle nuove tendenze, aiutano a far sentire il cliente “a casa”. Un altro elemento molto apprezzato è la cucina a vista, sinonimo di trasparenza e credibilità, puoi leggere un articolo sulle cucine a vista cliccando qui.
  14. Cerca di sfruttare al meglio il tuo territorio! Utilizzare prodotti a km 0 offre numerosi vantaggi, infatti si può contare su un risparmio dato dell’eliminazione delle spese di trasporto, una migliore qualità della merce e un ritorno in termini di reputazione, ricordati quindi di farlo sapere ai clienti.
  15. Tieni sotto controllo l’impronta di carbonio del tuo ristorante, fattore molto importante al giorno d’oggi. Se ti senti particolarmente virtuoso sotto questo punto di vista, non mancare di farlo sapere ai tuoi clienti! Noi di CM Ristorazione abbiamo trattato l’argomento in questo articolo.

 

Una buona analisi di questi punti e la loro corretta applicazione nella pratica possono dare a qualsiasi attività ottime chances di successo, non ci rimane che augurarti buona fortuna.

 

Leggi l’articolo originale su TheFork