Tag: manutenzione

#CMCONSIGLIA – LE POSATE IN ACCIAIO

#CMCONSIGLIA – LE POSATE IN ACCIAIO

Dopo aver visto come trattare al meglio, bicchieri in vetro e stoviglie in porcellana, ci concentriamo ora su un altro insieme di articoli fondamentali nella ristorazione: le posate. Sebbene ne esistano di vari tipi, realizzate in vari materiali (acciaio, plastica, materiali compostabili), parleremo qui solo […]

#CMCONSIGLIA – LE STOVIGLIE IN PORCELLANA

#CMCONSIGLIA – LE STOVIGLIE IN PORCELLANA

Nello scorso approfondimento abbiamo suggerito alcune dritte per gestire al meglio gli strumenti in vetro nel proprio locale. Ora ci concentriamo su un altro materiale protagonista della ristorazione: la porcellana. Piatti, vassoi, tazze, ciotole e vari contenitori utilizzati da ristoranti e altri locali sono realizzati […]

#CMCONSIGLIA – GLI STRUMENTI IN VETRO

#CMCONSIGLIA – GLI STRUMENTI IN VETRO

In un ristorante le tante mansioni in sala e in cucina vengono svolte da diverse persone con diversi ruoli.
Compierle al meglio, in modo efficace ed ottimale però, non è sempre facile.
Maneggiare gli strumenti specifici della ristorazione, dalle attrezzature ai piatti, ai bicchieri o alle posate, richiede attenzione, precisione e professionalità.
Possono sembrare raccomandazioni scontate, ma il rischio è quello di danneggiare i prodotti, mettere a rischio l’incolumità degli operatori e la salute dei clienti.
Pensate ad esempio a bicchieri lavati in modo approssimativo o senza una profonda igienizzazione. O ancora coltelli affilati con una tecnica sbagliata, che si possono rivelare più o meno taglienti del previsto e far commettere a chi li usa errori pericolosi.
Abbiamo perciò deciso di darvi qualche consiglio pratico su come gestire al meglio la vostra attrezzatura, in cucina e in sala.
Partiamo dagli oggetti in vetro, come bicchieri e calici, vedendo le mansioni di soggetti quali il cameriere o barista e l’addetto al lavaggio.
Barman o cameriere
Per manipolare bicchieri o calici è bene non afferrarli infilando le dita nella coppa, ma prendendoli sulla superficie esterna. Inoltre, solo i bicchieri impilabili vanno disposti uno sopra/dentro l’altro. Questo tipo di bicchiere infatti è studiato e realizzato appositamente per essere impilato, con un design e una forma che consente di creare una pila senza che i vetri si incastrino tra loro. Impilare bicchieri non adatti rischia di bloccarli tra loro, rovinando il vetro, rischiando di romperlo e scheggiarlo. Nel nostro assortimento trovate varie linee di bicchieri impilabili, contrassegnati dal rispettivo simbolo. Date un’occhiata QUI.
Nella spinatura della birra, ricordate di non urtare il beccuccio della spina con il bicchiere.
Mentre, nella preparazione dei cocktail, per inserire o rimuovere i cubetti di ghiaccio, è sempre bene utilizzare una paletta (in plastica o acciaio).
Un barista attento inoltre, ricorda di preriscaldare il bicchiere con acqua bollente, prima di versarvi bevande calde. Lo shock termico infatti potrebbe essere molto dannoso.
Addetto al lavaggio
Per chi si occupa del lavaggio di calici e bicchieri, molte indicazioni sopra riportate sono comunque valide.
In aggiunta, ricordiamo che è fondamentale evitare di inserire le posate nei bicchieri durante il lavaggio.
L’affilatura di punte e lame rovina molto facilmente il vetro e le posate stesse.
I cubetti di ghiaccio vanno sempre eliminati prima di iniziare il lavaggio ed è opportuno attendere che i bicchieri siano tornati a una temperatura ambiente.
Se si utilizza un cestello per lavare i bicchieri, è buona norma rimuoverli uno per volta quando il lavaggio è terminato. Inoltre, ricordate di usare cestelli diversi per lavare separatamente calici e bicchieri.
In generale poi, un addetto al lavaggio manuale degli strumenti deve ricordarsi di effettuarli in questo ordine: oggetti in vetro, posate e infine porcellane.
Infine, è bene ricordare a tutti gli operatori che maneggiano il vetro di prestare molta attenzione nei movimenti, effettuandoli con delicatezza e controllo.
Bicchieri e calici scheggiati o che presentano crepe o abrasioni vanno immediatamente messi da parte per evitare di servirli per errore ai clienti.
Speriamo che questi consigli vi siano stati utili e che possiate ora gestire i vostri strumenti in vetro in modo ancora più professionale.
Nel nostro shop online trovate tanti articoli tra calici e bicchieri, delle migliori marche. Cliccate QUI.
#CMCONSIGLIA – COLTELLI PROFESSIONALI (3/3): LA MANUTENZIONE

#CMCONSIGLIA – COLTELLI PROFESSIONALI (3/3): LA MANUTENZIONE

L’ultimo approfondimento sui coltelli da cucina professionali, riguardava i vari tipi di coltelli esistenti e le loro caratteristiche. Lo puoi leggere cliccando QUI. In questa ultima puntata invece ci soffermiamo sulla corretta manutenzione che occorre effettuare sulle proprie lame per mantenerne la qualità e continuare […]

#CMCONSIGLIA – MACCHINA TRITAGHIACCIO: COSA DEVI SAPERE

#CMCONSIGLIA – MACCHINA TRITAGHIACCIO: COSA DEVI SAPERE

La macchina tritaghiaccio è uno strumento molto utile sia a casa che nei bar ed è disponibile in diverse forme e dimensioni. La funzione principale è facilmente deducibile dal suo nome: una volta inserito il ghiaccio, lo strumento lo riduce in pezzi più o meno […]

#CMCONSIGLIA – LA MANUTENZIONE DELLE PENTOLE

#CMCONSIGLIA – LA MANUTENZIONE DELLE PENTOLE

Le pentole sono un elemento molto utilizzato in cucina. Essendo molto delicate, richiedono una pulizia e manutenzione adeguata, facendo attenzione al materiale con cui sono fatte. Le pentole, infatti, possono essere fatte con materiali diversi: teflon, acciaio inossidabile o altri materiali antiaderenti.

La prima cosa da fare è leggere le istruzioni che sono legate al prodotto perché ciascun materiale necessita di una manutenzione adeguata. Se non trattate adeguatamente, col tempo tenderanno a rovinarsi e questo può interferire con il risultato della cottura, oltre che per l’aspetto estetico.

Inoltre, ti sarà capitato che il cibo si sia attaccato alla pentola perché si è lasciato cuocere per troppo tempo. Bene, una soluzione per togliere l’incrostatura senza rovinare la pentola è quella di lasciare la pentola nel congelatore per circa tre quattro ore e poi pulirla con spugna e acqua tiepida. Oppure, si può utilizzare l’aceto con il bicarbonato di sodio: basta riempire la pentola con l’acqua e la soluzione creata e lasciare bollire per qualche minuto. Infine, basta pulire con la spugna.

Invece, è sconsigliato utilizzare la spugnetta metallica o altri oggetti che potrebbero rovinare la superfice della pentola.

Un altro accorgimento importante è quello di non utilizzare detersivi troppo aggressivi ed inquinanti. Ed inoltre, bisognerebbe lavare le pentole dopo il loro utilizzo o lasciarle in ammollo in acqua tiepida.

È importante sapere se le padelle sono lavabili in lavastoviglie. È assolutamente vietato lavare in lavastoviglie pentole in alluminio crudo, alluminio pressofuso antiaderente, rame, ferro e ghisa. Invece, è consentito il lavaggio delle pentole in trimetallo e acciaio inox.

Nello specifico, le padelle in ferro richiedono una manutenzione adeguata al primo utilizzo. Al primo utilizzo, la padella va lavata per qualche minuto con acqua calda e detersivo. Quindi va ben risciacquata, asciugata e messa in forno a 70° finché non sarà completamente asciutta e avrà assunto una colorazione grigia, tendente al blu.

Invece, per quanto riguarda le pentole in rame mai utilizzare strumenti appuntiti a contatto diretto con l’interno. Per pulire l’interno, mai utilizzare lana d’acciaio ed è importante pulire l’esterno con prodotti specifici per evitare l’ossidazione e la colorazione scura.

Infine, è importante verificare che a seguito del lavaggio le pentole siano completamente asciutte e prive di umidità prima di riporle, perché potrebbero far crescere colonie di batteri dannose per la salute. 

 

Sul nostro Shop online abbiamo vari articoli dedicati alla detergenza. Dai un’occhiata cliccando QUI

Inoltre, abbiamo anche una sezione dedicata al pentolame. Clicca QUI

 

FONTE: bisetti.com